classificazione dei veicoli

Lezioni di guida: classificazione dei veicoli

Siamo abituati a vedere in circolazione sulle nostre strade ogni tipo di veicolo, ma sappiamo quali sono le caratteristiche di ognuno? E sappiamo qual è la definizione e la classificazione dei veicoli? Partiamo dal concetto base: per veicolo si intende qualsiasi macchina, circolante su strada, guidata dall’uomo. La gamma è molto vasta, ma, per legge, tra questa non rientrano le macchine elettriche per minorenni, le quali però devono rispettare alcune caratteristiche come la lunghezza massima di 1,10 m, il sedile monoposto ecc., e le macchine per i disabili, in quanto costituiscono un ausilio medico anche se dotate di motore.

Il codice della strada stabilisce la classificazione dei vicoli

Fatta questa precisazione vediamo insieme come vengono classificati i veicoli che circolano sulle nostra strade:

Ciclomotori

I ciclomotori sono quei veicoli che hanno due o tre ruote, un motore termico con cilindrata non superiore a 50 cm³ e raggiungono una velocità massima di 45 km/h. per questa ragione è bene ricordare che non tutti i veicoli a due ruote con motore possono essere definiti ciclomotori. Ad esempio, le biciclette con pedalata assistita con motore elettrico dalla potenza massima sino a 0,25 kW, secondo la classificazione dei veicoli non vengono considerate come ciclomotori proprio perché non rispondono alle caratteristiche di questa categoria pur avendo due ruote.

Motocicli

classificazione dei veicoliI motocicli sono dei veicoli a due ruote con motore di cilindrata superiore a 50 cm³ Sono esclusi da questa categoria ciclomotori, tricicli a motore e quad, ossia quadricicli a motore con carrozzeria aperta. I motocicli possono essere dotati di cambio automatico e sono soggetti alla prima revisione quattro anni dopo la prima immatricolazione e, successivamente, ogni due anni. I motocicli non hanno limiti di cilindrata in quanto esistono motocicli con cilindrate superiori. Ai fini della circolazione, i quadricicli leggeri sono considerati come ciclomotori, e non come motocicli.

Tricicli a motore

I tricicli a motore sono quei veicoli che hanno tre ruote simmetriche e un motore di cilindrata superiore a 50 cm³. Questi veicoli possiedono una velocità massima superiore a 45 km/h. Questo veicolo non deve essere confuso con la motocarrozzetta che ha le ruote asimmetriche ed composto da un motociclo e un sidecar. Inutile dire che questo veicoli, come quasi tutti gli altri, per essere guidato è necessario che il conducente sia in possesso della relativa patente. I tricicli a motore, come la maggior parte dei veicoli, si possono condurre solo con la patente.

Quadricicli a motore

I quadricicli a motore sono veicoli con potenza non superiore a 15 kW e si dividono in “leggeri” e “non leggeri”. I primi, quelli definiti dal codice come quadricicli leggeri, hanno una potenza non superiore a a 4 kW e possono essere dotati di motore a benzina con cilindrata non superiore a 50 cm³, diesel o elettrico, ad esempio le microcar. Questi veicoli sono assimilati ai ciclomotori e si possono guidare a 14 anni, ma solo dopo aver ottenuto la patente AM. I secondi, invece, ossia il quadricicli non leggeri hanno una potenza massima sino a 15 kW e per potersi mettersi alla loro guida bisogna aver compiuto almeno 16 anni e possedere la patente B1. I quadricicli a motore sono soggetti a revisione periodica ed è vietato modificare o sostituire il motore per aumentare la cilindrata a la velocità.

Autoveicoli

Fanno parte della categoria degli autoveicoli i veicoli a motore con almeno quattro ruote come le autovetture, gli autobus, gli autocarri, le autocaravan o camper, ecc. Gli unici veicoli a motore con almeno quattro ruote ad essere esclusi da questa categoria sono i quadricicli. In questa categoria rientrano anche gli autobus e gli autocaravan che, per caratteristiche del veicolo stesso, vengono esclusi dal genere autovetture in base alla classificazione dei veicoli. 

Autovetture

classificazione dei veicoliLe autovetture sono autoveicoli a motore con quattro ruote più diffusi al mondo, sono destinati al trasporto di persone ed equipaggiati con non più di nove posti, compreso il conducente. Ecco perché, stando a questa definizione, gli autobus non possono essere considerati autovetture poiché hanno più di nove posti. Stesso discorso vale sia per gli autocaravan, che sono adibiti non solo al trasporto delle persone ma anche all’alloggio, sia per i veicoli blindati attrezzati per il trasporto di valori. Quindi sia gli autobus che gli autocaravan appartengono alla categoria degli autoveicoli ma non a quella delle autovetture. Le autovetture possono avere motore elettrico o termico, a trazione anteriore o posteriore, inoltre possono trainare carrelli-appendice o rimorchi. La prima revisione deve essere effettuata quattro anni dopo la prima immatricolazione e, in seguito ogni due anni.

Rimorchi e semirimorchi

I rimorchi e i semirimorchi sono veicoli che non hanno motore e sono destinati ad essere trainati da parte degli autoveicoli tramite opportuni sistemi di traino. I rimorchi e i semirimorchi con massa a pieno carico sino a 750 kg vengono definiti leggeri. Hanno un impianto frenante e, non essendo dotati di motore, sono sprovvisti di silenziatore. Mentre il caravan è un rimorchio, l’autocaravan e l’autosnodato non appartengono a questa categoria, in quanto considerato dal Codice della strada un complesso veicolare unico. La differenza tra il rimorchio e il semirimorchio consiste nel fatto che quest’ultimo, il semirimorchio, scarica solo una parte del proprio peso sul trattore stradale che lo traina, pertanto viene trainato solo per metà.

Autocaravan o camper

Le autocaravan, meglio conosciuti con il nome di camper, appartengono alla categoria degli autoveicoli e sono attrezzati permanentemente con una carrozzeria speciale che consente il trasporto e l’alloggio delle persone il cui numero massimo è indicato sulla carta di circolazione. Sulle autocaravan non si può viaggiare in piedi, neanche per brevi tratti, in quanto molto pericoloso. Le autocaravn non sono dei rimorchi e non devono essere confusi con autoveicoli per lavori stradali o agricoli. Anche le autocaravan, come la maggior parte dei veicoli, vengono revisionate quattro anni dopo la prima immatricolazione e in seguito ogni due anni.

Caravan o roulotte

classificazione-dei-veicoliI caravan, meglio conosciuti con il nome di roulotte, sono rimorchi con targa attrezzati per essere adibiti ad alloggio solo con veicolo fermo e non mentre si viaggia. E’ vietato alloggiare nel caravan mentre si viaggia in quanto estremamente pericoloso. I caravan, essendo dei rimorchi, non sono dotati di cinture di sicurezza. È possibile salire a bordo di un caravan solo ed esclusivamente quando il veicolo è fermo. Inoltre, per ridurre il rischio di ribaltamento in curva è necessario collocare gli oggetti pesanti in basso in modo tale da spostare il baricentro del carico in basso. Sempre per lo stesso motivo, è necessario distribuire il carico in maniera equilibrata tra il lato destro e quello sinistro.

Macchine agricole e macchine operatrici

Le macchine agricole e le macchine operatrici possono essere semoventi, come nel caso della mietitrebbiatrice, oppure possono essere trainate e possono essere dotate di ruote gommate o cingoli. Quelle semoventi, se attrezzate, possono trasportare al massimo 3 persone compreso il conducente. Il loro limite di velocità è di 40 km/h, se hanno ruote gommate, o di 15 km/h se sono a cingoli. Inoltre, le macchine agricole possono essere dotate di attrezzature per l’esecuzione dei lavori agricoli e, se immatricolate, è ammessa la loro circolazione su strada per il trasferimento e il trasporto di prodotti agricoli. Quelle che non superano i limiti di sagoma e massa si conducono con le patenti di categoria A1, A2, o A, quelle eccezionali invece con la patente B. Le macchine operatrici, invece, pesano fino a 3,5 t e si possono condurre con la patente B. Per quelle eccezionali occorre invece una patente superiore. Un esempio di macchine operatrici sono i veicoli sgombraneve.

In sintesi, secondo il codice della strada i veicoli si possono classificare in :

I veicoli si classificano, ai fini del presente codice, come segue: 

  1. veicoli a braccia; 
  2. veicoli a trazione animale; 
  3. velocipedi; 
  4. slitte; 
  5. ciclomotori; 
  6. motoveicoli; 
  7. autoveicoli; 
  8. filoveicoli; 
  9. rimorchi; 
  10. macchine agricole; 
  11. macchine operatrici; 
  12. veicoli con caratteristiche atipiche. 

Privacy: questo sito usa cookie. Leggi l'informativa per i dettagli. OK Privacy Policy