Arrivano gli aggiornamenti di Google Maps

Google Maps è un servizio che consente la ricerca e la visualizzazione di carte geografiche di gran parte della Terra. La sua nascita risale all’8 febbraio 2005, quando su Google Blog fu annunciato il servizio di mappe, disponibile per i browser Internet Explorer e Mozilla Firefox. A luglio venne presentato il servizio per il Giappone. Nel gennaio 2006 aggiunse le strade degli Stati Uniti, Puerto Rico, del Canada, del Regno Unito, del Giappone, e di alcune città in Irlanda. Fu coperta anche l’area di Torino per le Olimpiadi invernali. Il 23 gennaio 2006 fu aggiornato per usare lo stesso database con le immagini satellitari di Google Earth. Il 12 marzo 2006 furono aggiunte le mappe di Marte. Fu poi pubblicata la seconda versione delle API ed in seguito fu lanciato Google Maps per le imprese. Tempo dopo fu introdotto un riquadro per la ricerca delle località e per alcune città americane, e Londra, iniziò ad indicare le fermate delle metropolitane. In pochissimo tempo Google Maps è diventata una delle App più utilizzate in tutto il mondo. Chiunque cerchi un luogo o una struttura non può non rivolgersi a questo servizio.

Google Maps si rinnova

Google MapsMa l’evoluzione di questo servizio non si è mai fermata. Nel 2010 fu aggiunta la possibilità di cercare itinerari per i ciclisti. Due anni dopo arriva la mappatura dei fiumi e canali britannici insieme al Canal and River Trust che permette di pianificare viaggi attraverso ponti e alzaie lungo 3000 chilometri di fiumi. Fino ad oggi resta una delle App più utili a chiunque voglia spostarsi, fosse anche solo di qualche chilometro. Di sicuro tutti la conoscono, ma vediamo bene nel dettaglio come funziona Google Maps. Con i nuovi aggiornamenti è possibile interagire con la mappa personalizzandola in base alle proprie esigenze. Ecco, ad esempio, come si può interagire con questa straordinaria App:

  • Aggiungere un luogo sulle mappe, come ad esempio un parco, una spiaggia, un bar o un locale;
  • Migliorare la mappatura di luoghi già esistenti, cambiandone forme e confini, come per parchi, laghi, palazzi e complessi urbani;
  • Tracciare nuove strade e sentieri, ferrovie, corsi d’acqua ed altri dettagli, come ad esempio individuare sulle mappe le piste ciclabili nelle città o indicare le migliori strade per percorsi ciclabili;
  • Individuare le modifiche effettuate dagli altri utenti, per valutarne la veridicità, la fedeltà, per commentarle o per migliorarle ulteriormente.

La ricerca di un particolare luogo avviene esattamente utilizzando la barra di ricerca in alto a sinistra. Inoltre vi sono alcuni pulsanti che vi consento di fare vostro questo servizio in tutto e per tutto:

  • Il pulsante “Aggiungi”, presenta al suo interno quattro distinte possibilità che a loro volta consentono più operazioni: aggiunta di luoghi, strade, fiumi, ferrovie, edifici, altri elementi naturali, confini politici e amministrativi.
  • Il pulsante “Modifica”, allo stesso modo dà la possibilità di modificare questi elementi quando sono già esistenti, vale a dire le informazioni sui luoghi, la forma di vie, strade, ferrovie, edifici ecc.
  • contributi di altri utenti relativi alla zona che stiamo visualizzando compaiono in basso a destra della mappa (come si nota nella seconda immagine). Cliccando sui nick, scopriremo il profilo degli utenti contributori, con informazioni sul numero e sul tipo di modifiche proposte, accettate e rifiutate.
  • Il pulsante “Esplora” permette di verificare sulla mappa di riferimento tutte le modifiche proposte in termini di luoghi inseriti e strade, sia già inseriti che in attesa di approvazione.
  • Il pannello “Map Maker”, sulla sinistra, da cui è possibile gestire tutte le modifiche proposte in corso, da verificare e pubblicate, da quartiere a quartiere, nonché tutto l’insieme delle attività effettuate.

Negli ultimi 8 anni Google Maps e la sua versione più sofisticata Google Earth sono diventate il nostro Atlante. Grazie ad esse possiamo conoscere distanze e percorsi e anche di compiere veri e propri viaggi virtuali grazie alle foto a 360° di Google Street View. Vediamo nel dettaglio le funzioni di Google Maps:

Possiamo navigare tra le strade
Usando Google Street View dalla vecchia versione delle Google Maps e cliccando col tasto destro sulla mappa c’è la possibilità di vedere alcuni luoghi, compresa Roma, in 3D utilizzando semplicemente un paio di comuni occhialini tridimensionali.
Vedere non solo strade, ma anche edifici famosi, negozi, sotterranei e musei

Grazie a Google Street View possiamo visualizzare a 360° gli interni di palazzi ed edifici storici, salendo anche di piano, come nel caso della TorreEiffel.

Con Google Earth si può volare
Il software di telerilevamento di Google include un simulatore di volo per poter vedere la Terra da una prospettiva unica. Per farlo basta selezionare Accedi al simulatore di volo dal menu Strumenti e scegliere l’aereo dapilotare e il punto di partenza. 
Mai più bloccati nel traffico
Cliccando su traffico abbiamo la possibilità di vedere come sono messe per quanto riguarda il traffico le strade principali di molte città del mondo, attraverso l’uso colori: verde traffico scorrevole, rosso traffico lento.

Alcune mappe sono piene di luoghi inaccessibili

In alcuni luoghi l’immagine satellitare delle mappe è volutamente sfocata per questioni di sicurezza. Ed esempio nei dintorni del Palazzoreale ad Amsterdam, in Olanda, o nella tundrasiberiana, nei pressi di un sito militare.
La funzione Street View non è disponibile ovunque
Europa, Usa, Australia e parte del Brasile sono “coperti”. Non tutti, però, posso godere di questo servizio. Infatti, manca quasi tutta l’Africa, l’Asia e intere regioni del Sud America, compresi gran parte del Brasile, il Cile e l’Argentina.
Le mappe sono consultabili anche offline
C’è una funzione degli smartphone Android che permette di scaricare alcune mappe, in modo da poterle usare quando il telefono non può accedere a internet. Con l’iPhone invece basta aprire una mappa, navigare al suo interno e usare lo zoom per far sì che il telefono la conservi nella sua memoria cache e sia possibile usarla anche quando il collegamento a internet è assente.
Possiamo contribuire alle mappe
Grazie alla funzione Map Maker si possono aggiungere luoghi, strade, negozi, punti di interesse alle mappe e anche esaminare le modifiche fatte dagli altri utenti.
Ci portano anche sulla Luna e su Marte.
Sia attraverso Google Earth che in parte con Google Maps possiamo fare un giro anche sulla Luna e vedere in quale punto preciso sono atterrate le varie missioni spaziali, e leggerne la storia. La stessa cosa vale per Marte

Google MapsCome vedete sono tantissime le funzioni di questa App e molte altre sono in arrivo. Tra gli ultimi aggiornamenti sono state inserite delle funzioni davvero interessanti:

  • Osservare le rotte aeree e di monitorare i treni: In alcune zone degli Usa è già possibile ricevere le indicazioni per andare da una città all’altra in aereo oltre che in auto, in bici o a piedi. Presto il servizio sarà diffuso anche in Europa. Intanto alcune compagnie locali, già utilizzano le maps per mostrare il percorso di treni e bus.
  • Decisioni più rapide e veloci:  Se si sta cercando un determinato tipo di attività i risultati presenti nelle nostre vicinanze verranno mostrati direttamente sulla mappa con le relative schede dei dettagli, infatti, con un click si potranno vedere recensioni e specificità del locale o dell’attività nonché tutti i risultati correlati di approfondimento.
  • Raggiungere i luoghi con più facilità: Scegliere il mezzo adatto al percorso è ora più immediato. Basta un click per scegliere e confrontare l’opzione migliore, che include le distanze, e i tempi di percorrenza per ogni singolo percorso. Il sistema è poi integrato con un report in tempo reale delle condizioni di traffico, arricchito con la preview della strada.
  • Condividere l’ora d’arrivo presso una data località: È possibile attivare questa opzione tramite pulsante dedicato e messaggi pre-impostati
  • Creare un widget nella homescreen dedicato a viaggi comunemente effettuati: questa funzionalità è già presente ma che verrà consigliata dall’applicazione solo quando saranno effettuate più ricerche relative ad una medesima destinazione
  • Cronologia delle posizioni: Come già accade per la versione web è possibile salvare la cronologia dei nostri spostamenti
  • Identificazione luoghi raggiungibili in carrozzina
  • Consegna di un messaggio toast: questa funzione si attiva quando una destinazione è irraggiungibile a piedi o utilizzando biciclette, bus, taxi
  • Possibilità di attivare notifiche relative a luoghi nuovi e popolari
  • Conteggio chilometri percorsi e possibilità di condivisione del totale, con annesse congratulazioni da parte dell’applicazione.
  • Ricercare punti di interesse ora anche in bici ed a piedi, oltre che in Driving mode
  • Un nuovo pulsante dedicato a ricerca vocale in Driving mode, posto in alto a destra
  • Il vecchio pulsante dedicato alla ricerca vocale in Driving mode, prima raggiungibile con tap sul FAB Ricerca, ora sostituito da pulsante Cerca lungo il tragitto
  • Le notifiche per luoghi nuovi e popolari, ora presenti nella sezione Impostazioni>Notifiche
  • Il collegamento alle impostazioni dei comandi vocali Ok Google nella sezione Impostazioni
  • La possibilità di cambiare icona ai luoghi etichettati grazie a nuova voce presente nel menù overflow

Con goggle Maps si possona fare davvero tante cose. Se vi muove spesso, non potrete più farne a meno. 

I commenti sono chiusi.

Privacy: questo sito usa cookie. Leggi l'informativa per i dettagli. OK Privacy Policy