Lezioni di guida: la classificazione delle strade

Per chi sta studiando per conseguire la patente di guida, sono tantissime le informazioni da imparare e memorizzare: diritti di precedenza, segnali di pericoli, incroci. Queste sono solo alcune delle nozioni che è necessario conoscere per poter superare l’esame di guida.  Il codice della strada è ricco di insidie se non lo si studia a dovere, per questo oggi ci occuperemo di un argomento spesso poco affrontato, ma che è fondamentale conoscere per poter passare il test: la classificazione delle strade. Non tutte le strade sono uguale e ogni tipologia è soggetta a regole e restrizioni differenti. Vediamo insieme quali sono.

Conoscere la classificazione delle strade è importante per conseguire la patente

classificazione delle stradeAutostrada

L’autostrada è una strada a carreggiate indipendenti separate dallo spartitraffico e recintata lateralmente. Ognuna delle due carreggiate ha almeno due corsie di marcia ed è fiancheggiata da una corsia di emergenza. E’ sprovvista di accessi privati o incroci a raso che sono sostituiti da quelli sfalsati da cui si accede o si esce tramite le corsie di accelerazione o decelerazione. Il limite massimo di velocità in autostrada è di 130 km/h ed è contraddistinta dalla segnaletica di colore verde. Sono escluse dalla circolazione in autostrada tutte quelle vetture che non raggiungono gli 80 km/h, ciclomotori e motocicli di cilindrata inferiore a 150 cm cubi, le macchine agricole e tutti quei veicoli che non hanno il carico sistemato in maniera corretta o sono danneggiati e, quindi, pericolosi per la circolazione. Nelle autostrade non si può invertire il senso di marcia o fermarsi per più di 3 ore nella corsia di emergenza. Inoltre non è consentito fare l’autostop o dare passaggi o trainare altri veicoli. Per accedere occorre ritirare il biglietto al casello per essere poi esibito all’uscita per il pagamento. In caso di smarrimento del biglietto autostradale, si dovrà pagare l’intera tratta. Lungo il percorso autostradale vi sono aree di sosta attrezzate ed autogrill.

Strada Extraurbana Principale 

La strada extraurbana principale è dotata di carreggiate indipendenti oppure divise da spartitraffico. Presenta almeno due corsie di marcia ed è sprovvista di intersezioni a raso, in quanto pericolose, ma solo di quelle a livelli sfalsati. Lungo questo tipo di strada vi sono aree di sosta e per l’entrata e l’uscita vengono utilizzate le corsie di accelerazione e quelle di decelerazione. Nelle strade extraurbane principali non è concessa la circolazione ad alcune categorie di veicoli come le biciclette, i quadricicli leggeri e i ciclomotori ed il limite massimo di velocità è di 110 km/h. Nel caso delle strade extraurbane principali, a differenza delle autostrade, la segnaletica è blu.

Isola Di Traffico

L’isola di traffico è una parte della strada che può essere rialzata o dipinta a raso sul piano stradale con zebrature di colore bianco. Su questa parte della strada non è consentito il traffico veicolare e non è nemmeno possibile sostarci sopra. È delimitata da strisce bianche di raccordo. La sua funzione principale è quella di separare e canalizzare diverse correnti di traffico.

Attraversamento Pedonale

L’attraversamento pedonale, più comunemente conosciuto come “strisce pedonali”, è una parte della strada segnalato da strisce bianche parallele sulle quali i pedoni possono vantare il diritto di precedenza rispetto ai veicoli. Al fine di non intralciare il passaggio dei pedoni, sulle strisce pedonali i veicoli non possono né sostare né tantomeno fermarsi.

Salvagente

Il salvagente stradale ha la funzione di riparare o far sostare i pedoni che attraversano la strada nei pressi di fermate di mezzi pubblici oppure in corrispondenza di attraversamenti pedonali agevolando la salita e la discesa dei passeggeri. Alcune volte è rialzato mentre altre è opportunamente delimitato e in alcuni casi è segnalato da colonnine a luce gialla fissa.

classificazione delle stradeArea Pedonale

L’area pedonale è una zona della città destinata esclusivamente al transito dei pedoni. Gli unici veicoli a cui è consentita la circolazione sono:

  • i veicoli di emergenza con lampeggiante blu accesso e sirena in funzione;
  • le biciclette;
  • i veicoli al servizio di persone diversamente abili.

Se indicato da un pannello integrativo, possono transitare anche altri tipi di veicoli, esempio i veicoli elettrici ad emissione zero.

Zona a traffico limitato

Una zona a traffico limitato è un’area delimitata da appositi segnali stradali che indicano l’inizio e la fine e le fasce orarie in cui la circolazione è consentita ai soli veicoli autorizzati, nel resto della giornata è aperta a tutti i tipi di veicoli. Non è un’area adibita soltanto alla circolazione di ciclomotori e biciclette ne tantomeno un’area sempre e comunque esclusa ai veicoli a motore. In quest’area non esistono limiti relativamente all’accesso dei pedoni o al numero di veicoli che possono entrarvi.

Passo Carrabile

Secondo il Codice della Strada, il passo carrabile è un accesso ad un’area laterale idonea allo stazionamento di uno o più veicoli. Il passo carrabile, segnalato da un apposito cartello riportante l’ente e il numero di autorizzazione, consente il transito dei veicoli da un’area pubblica, come la strada, ad una privata, come può essere un garage. In corrispondenza del passo carrabile è possibile effettuare la fermata ma non la sosta.

Passaggio a livello

Anche il passaggio a livello rientra tra le varie tipologie di strade in cui possiamo imbatterci muovendoci in automobile. Il passaggio a livello è un attraversamento a raso tra la strada e la linea ferroviaria. E’ caratterizzato dalla presenza di barriere e semibarriere, luci di colore rosso, dispositivo di segnalazione acustica, dai pannelli distanziometrici e dal cartello stradale conosciuto come la croce di S. Andrea. Rari sono i casi in cui tale passaggio è privo delle barriere, ma dotato comunque di altri tipi di segnalazioni. In questi casi è fondamentale fare molta attenzione nella fase di attraversamento.

Ecco viste tutte le tipologie di strade contemplate dal nostro codice. Oltre a queste, però, ve ne sono altre di gran lunga più spesso trovate nei test per la patente di guida. Se state studiando per questo tipo di test vi consigliamo di leggere con grande attenzione quanto segue, potrebbe tornarvi davvero utile nel momento in cui vi accingerete a rispondere alle domande a quiz.

Strada a doppio senso di circolazione con quattro corsie

 

La strada a doppio senso di circolazione con quattro corsie è composta da un’unica carreggiata a doppio senso di circolazione suddivisa in quattro corsie, due corsie per senso di marcia. Mentre le corsie esterne sono destinate alla marcia ordinaria quelle interne sono riservate, di norma, alla manovra di sorpasso. A differenza delle strade urbane, su una strada di questo tipo il sorpasso è consentito, anche se effettuato in curva, ma l’inversione di marcia non lo è. Infatti, è vietato superare le due strisce bianche continue al centro della carreggiata.

Strada a doppio senso di circolazione con sei corsie

La strada a doppio senso di circolazione con sei corsie è composta da un’unica carreggiata, ma mentre nel caso precedente eravamo di fronte a una carreggiata con quattro corsie qui troviamo una carreggiata con sei corsie, tre corsie per ogni senso di marcia. Anche qui le corsie più esterne, ossia quelle alla destra del guidatore, sono dedicate alla marcia ordinaria, mentre le corsie centrali, sempre rispetto al guidatore, e quelle di sinistra sono riservate al sorpasso. Come sopra, è possibile il sorpasso ma non l’inversione del senso di marcia.

classificazione delle stradeStrada a tre carreggiate e otto corsie

Nella strada a tre carreggiate e otto corsie le carreggiate laterali sono a senso unico di circolazione, quella interna, ossia quella delimitata dallo spartitraffico, è a doppio senso di circolazione. Anche in questo caso, mentre il sorpasso è consentito, anche se effettuato in curva, l’inversione di marcia è assolutamente vietata.

È fondamentale conoscere bene il funzionamento delle strade e la loro classificazione per non rischiare di causare incidenti. Mai prendere sotto gamba l’esame di guida. Una guida consapevole ed attenta ci consente di viaggiare in totale sicurezza. Fondamentale è anche il rispetto dei segnali stradali e quello dei limiti di velocità, che troppo spesso vengono violati causando incidenti anche mortali. Queste lezioni non servono soltanto a chi si sta preparando per l’esame della patenta, sono anche un ottimo modo per rispolverare nozioni apprese anni addietro e, forse, dimenticate. Il Codice della Strada va rispettato e conosciuto, perché solo così possiamo essere certi di metterci in strade sicure. 

I commenti sono chiusi.

Privacy: questo sito usa cookie. Leggi l'informativa per i dettagli. OK Privacy Policy